Dentro la montagna

Tra centinaia di percorsi di canyoning disseminati lungo le Alpi ne troviamo uno in Valmalenco dalle caratteristiche uniche e irripetibili: il Cormor.
Nel corso dei millenni il torrente Cormor, ora sbarrato dai bacini artificiali di Campo Moro e Gera, ha inciso profondamente il proprio letto nella tipica roccia verde della Valmalenco: la serpentinite.
Una grande paleofrana ha successivamente invaso lunghi tratti d’alveo, seppellendolo completamente.
Il corso d’acqua, con un lento ma incessante lavoro erosivo, ha poi ritrovato un passaggio verso la luce, creando un incredibile sistema di cunicoli sotterranei.
Buona parte del canyon si trova quindi interamente al buio.
L’ambiente è spettacolare e unico, per la roccia verde modellata come una vera e propria scultura naturale e per gli spiragli di luce che a tratti entrano dall’alto.

SCHEDA TECNICA
Partenza da Campo Moro 1900m, arrivo Franscia 1540m.
Dislivello 360 metri, sviluppo 1100m.
Tempo di discesa 4-6 ore.
Necessaria attrezzatura completa da canyoning e illuminazione.
Numerosi tratti in disarrampicata e calate nel vuoto.

Video www.youtube.com , ricerca cormor