Bernina sud

Per fortuna i vasti e dimenticati spazi del Bernina sud non sono avvelenati da ordinanze che regolamentano le dotazioni alpinistiche e da nudità dimostrative. La lunga e primitiva ascesa dal versante italiano è una salita preziosa, perfettamente adeguata all’incontro al di fuori dal tempo, in uno spazio preservato, non ancora interamente votato all’utile, al funzionale.

Grandi nubi lenticolari avvolgono la cima, sospinte da un vento fresco da nord. L’estate rovente ha ridotto l’estensione dell’esile cresta nevosa sommitale, sostituita da un crinale di diorite fratturata che affiora ormai con continuità sino alla vetta.

Lascia un Commento