Quando c’era il grande ghiaccio…

Negli ultimi 15 giorni per sei volte le temperature hanno superato lo zero in cima al Monte Bianco dove il 18 giugno si sono registrti addirittura 12 gradi a mezzogiorno. Considerando la quantità di neve residua tra le più povere dell’ultimo decennio, è facile prevedere come la stagione alpinistica estiva andrà incontro a una progressiva assenza di neve sino alle quote più alte, con tutte le conseguenze che ben conosciamo. Negli anni abbiamo osservato la regressione dei ghiacciai, ma nonostante le drammatiche evidenze, in fondo il fenomeno c’è sempre apparso come estraneo alla nostra breve esistenza, appartenente al ciclo delle cose, ininfluente per la nostra piccola quotidianità e problema da rinviare ai posteri.

Visto l’inarrestabile aumento delle temperature, temo saremo i primi bipedi ad essere testimoni oculari della scomparsa di vasti apparati glaciali che sino a ieri consideravamo infiniti ed inesauribili. Per questo, quando ci avviciniamo al ghiacciaio, pensiamo almeno per un poco alla meraviglia e al privilegio di poter ancora sentire il suo odore, che sa d’acqua di fusione, di limo e di roccia nuda e proviamo ad ascoltare, mentre lo attraversiamo, lo scricchiolio dei ramponi ad ogni passo sulla superficie gelata.

Lascia un Commento