Pizzo Badile e le foto perdute

Nel turbine del “copincolla” capita che le più belle immagini del 2014 finiscano cancellate per sempre. Resta però indelebile nella memoria il ricordo di una salita fuori stagione con il rifugio ormai chiuso, una lussuosa cena all’aperto con simpatici giovani alpinisti, il giaciglio sul pavimento causa “overbooking” del locale invernale e la piacevole scalata in cordata con Andrea, alla sua prima grande parete di granito in una mite giornata d’autunno. Si salva solo un’immagine sfocata del mare di nubi che invade il fondovalle e l’intera pianura come un enorme ghiacciaio antartico, lasciando emergere solo i picchi più alti, dal Monviso al Monte Rosa..Mic

Lascia un Commento