Pizzo Cassandra e dintorni

Il ghiacciaio del Ventina è ancora ricoperto da una spessa coltre di neve primaverile residua. Per un lungo tratto la superficia indurita dal gelo notturno è completamente irregolare e a “buchi” a causa dell’azione di fusione in parte accelerata dagli acquazzoni degli ultimi giorni. Il sole illumina la vetta del Cassandra mentre risaliamo i pendii sempre più ripidi verso la sua parete nord orientale. E’ una giornata di allenamento in vista di future salite. In cordata con Gianni sperimentiamo la progressione su ghiacciaio e terreno ripido innevato per poi passare ad una piacevole arrampicata sulle paretine ben esposte al sole che bordano il ghiacciaio. Nessun alpinista avvistato in zona, a parte un veloce camoscio solitario che in pochi minuti ha raggiunto il passo Cassandra risalendo per intero il ghiacciao! Mic

Lascia un Commento