Celebrazioni 150 Picco Glorioso – rievocazione alpinistica

E’ mezzanotte quando in compagnia di Norbert Parolini e Andrea Salvetti, giovani promettenti alpinisti valligiani, muoviamo i primi passi lungo la deserta strada acciottolata nel centro di Chiesa, proprio innanzi all’edificio che ospitava nel 1862 l’albergo Olivo, dove partirono la notte del 20 agosto i primi esploratori alpinisti inglesi. La lunga risalita della valle del Mallero, in direzione Chiareggio, si fa sentire, soprattutto per la disabitudine al trasporto dello zaino affardellato direttamente dal fondovalle. Il suono e il soffio refrigerante del torrente ci accompagna per l’intera nottata. A tratti percorriamo quel che resta dell’antica cavallera del Muretto. Chiareggio, immerso nel silenzio della notte, conserva inalterato il fascino del villaggio alpino, nonostante l’invasione di automobili parcheggiate un po’ ovunque. Lungo la val Sissone, meta prediletta dai cercatori di minerali, il piede si posa su migliaia di pietre diverse per natura e colore: serpentine, graniti, marmi, anfiboliti.. Attraversato quel che resta del ghiacciaio, messo a dura prova dalle abnormi temperature di questa estate, alle 8 siamo al passo di Mello. Qui la comitiva inglese, sfruttando la diversa estensione dei ghiacci si portò ben più in alto sino ad attaccare la cresta sommitale del Monte Pioda 3431m. Noi proseguiamo lungo la frastagliata cresta rocciosa settentrionale con qualche bel passo d’arrampicata sino al quinto grado. Raggiunta la cima del Pioda, massima elevazione conquistata nel corso del primo tentativo, la tentazione di procedere sino in vetta al Disgrazia è troppo forte. Lasciamo zaino ed equipaggiamento alla sella, là dove i graniti cedono il passo alle rosse rocce di serpentino e proseguiamo leggeri, cavalcando i gendarmi incisi da innumerevoli passaggi dalle punte dei ramponi degli alpinisti. Non c’è più traccia di neve né di ghiaccio. Alle 12.30 siamo in vetta. mic

note: dislivello 2900m circa; sviluppo complessivo sino a Preda Rossa 25 km circa

 

 

Lascia un Commento