Archive del 2010

Freeride ski courses Valmalenco

mercoledì, 29 dicembre 2010

Splendide giornate di iniziazione al fuoripista con Tommaso e Gabriele, giovani ragazzi, dinamici e ben allenati! Tante belle discese sono nelle loro gambe…Bella polvere ovunque che ricopre un fondo ben assestato sino ai 2400m, attenzione agli accumuli da vento più in quota e sui crinali. Mic

Bambini e sci, come iniziare?

lunedì, 20 dicembre 2010

Con due piccoli sciatori in casa e un’aspirante baby-sciatrice mi sento autorizzato a dispensar consigli in materia….

Non esiste un’età precisa in cui un bambino è pronto per imparare a sciare. Anche tra piccoli della stessa età, infatti, ci possono essere notevoli differenze. Per esempio, ci sono bimbi che già a 3-4 sono attivi, agili e scaltri, mentre altri di 6 possono essere ancora un po’ restii a farsi insegnare qualcosa. Perciò, prima di mettere gli a sci ai piedi di un bambino si deve valutare il suo grado di crescita. A ogni modo, se il piccolo è recettivo, a partire dai  5 anni può frequentare un corso di sci; prima di quest’età è comunque consigliabile prendere confidenza con la montagna, giocando con la neve. Non deve essere un’imposizione! Per i bambini, in particolare per quelli più piccoli, lo sci non deve essere uno sport, ma soltanto un divertimento; è fondamentale che a prevalere sia la componente ludica dell’attività, altrimenti il rischio che si corre è che i piccoli si annoino. Per loro la dimensione della montagna non si esaurisce con lo sci, e molto importante è il contatto fisico con la neve. Troppo spesso si osservano sulle piste piccoli ricoperti da tute modello “scafandro” che impediscono ogni contatto reale con la neve. Scegliete il momento giusto! Preferibilmente nelle ore centrali della giornata o attendete le più calde e luminose giornate di fine inverno. Anche se la mamma e il papà sono sciatori provetti, è bene che i bambini imparino a sciare con un maestro. Non è molto comune, infatti, che in questi casi si crei una buona sintonia tra figlio e genitore, forse perché il piccolo non “riconosce” in lui un insegnante. Un maestro preparato, invece, sa perfettamente come insegnare quasi giocando. Mic

Fuoripista Sasso Nero 2

martedì, 14 dicembre 2010

Splendida giornata esplorativa in compagnia di Andrea Lenatti (maestro di sci e freeskier di gran livello) alla ricerca delle linee sulla sud del Sasso Nero 2917m, a picco sopra il Lago Palù. Questi canali furono probabilmente già discesi negli anni ’80 dal Bianco (Giancarlo Lenatti), grande interprete dello sci estremo con all’attivo la prima ed unica discesa della Nord del Disgrazia. Il risultato è stata una discesa inusuale e selvaggia su neve durissima e a tratti ghiacciata con alcuni tratti a 40° e passaggi obbligati ed esposti tra le rocce. Mic


Fuoripista Sasso Nero

domenica, 12 dicembre 2010

Forti del detto “non esistono nevi cattive ma solo cattivi sciatori” ci siamo spinti fuoripista nonostante le dubbie condizioni della neve. Con la pioggia caduta sino in quota dei giorni scorsi e il rialzo delle temperature, svanita la magnifica polvere, era facile prevedere una crosta immonda. Piacevolmente abbiamo però constatato che la crosta di fusione e rigelo è talmente spessa da sostenere quasi ovunque il peso dello sciatore e ci ha regalato piacevoli discese in stile primaverile, su una neve come dura come cemento, in un angolo assolato e solitario. Pietro, forgiato dalle brevi ma toste “nere” dell’Appennino, si è subito adattato alle discese alpine inanellando una serpentina dietro l’altra…Mic


Freeride e video

giovedì, 9 dicembre 2010

Siete un gruppo di amici desiderosi di una testimonianza video della vostra uscita fuoripista?

In collaborazione con il collega e videomaker Luca Maspes, proponiamo uscite guidate ai più rinomati percorsi delle Alpi Centrali comprensivi di videoclip.

Calendario uscite 2011: 16 gennaio Bormio; 6 febbraio Morteratsch; 13 febbraio Tonale.

Mic michele.comi@stilealpino.it

Prestigiosi 2010

mercoledì, 1 dicembre 2010

Nuovi e vecchi Prestigiosi e aspiranti tali sono invitati Sabato 11 dicembre, a partire dalle ore 12,30, presso la Mountainroom sulle nevi del Palù per un brindisi e per l’assegnazione della meritata Magnum di Prestigio 2010!


Fuoripista Bormio

martedì, 30 novembre 2010

Apertura della stagione sciistica sulle nevi di Bormio, in compagnia di Norbert. Condizioni ottime con 30 cm di polvere nuova che sovrastano un manto già abbondante in quota. Attenzione però agli accumuli e lastroni in rapida formazione sotto l’azione del vento, legati in modo precario con gli strati sottostanti.

Ski dalla preistoria alla conquista delle Alpi

lunedì, 22 novembre 2010

E’ il titolo dello splendido libro di Pierpaolo Mistri dedicato alla storia dello sci.

Dalla preistoria all’introduzione dello sci sulle Alpi il libro ripropone una moltitudine inedita di informazioni storiche sullo sci. Leggendolo si rimane colpiti dall’esaltazione del senso delle cose belle, mai banali e dalle geniali intuizioni dei pionieri: da Nansen a Zdarsky, da Arnold Lunn ad Adolfo Kind. Di prim’ordine la ricerca iconografica, con immagini uniche e stupende.

Curiosa la citazione che riguarda le montagne di casa interessate da una delle primissime esplorazioni alpine italiane calzando gli ski. Mic

E’ dunque nei primi anni del ‘900 che lo sci si diffonde in Italia….A Natale del 1901 due soci della sezione di Milano intraprendono una spedizione di una settimana sul Bernina raggiungendo la capanna Marinelli e il Passo Sella. Lo spirito e le condizioni dei due sciatori alpinisti sono quello dei pionieri: “ Il 24 dicembre i sottoscritti partirono da Milano colla ferrovia per Sondrio, e da là a Chiesa Valmalenco, ove giunsero alle due del mattino. Ripartiti alle 6 di mattina calzarono gli sci un po’ al di là di Lanzada. Tempo nebbioso e nevischio fino all’Alpe Campolungo: arrivo ivi alle 16”. Quinid 8 ore di viaggio, seguite da 4 di sonno e da 10 di marcia! “ Il giorno 29 partenza per Maloja donde partenza con gli ski lungo la strada fino a Chiavenna. Arrivo alle 4 del mattino. Stupendo viaggio rischiarato dalla luna”.

Immagini tratte da: SKI dalla preistoria alla conquista delle AlpiNuovi Sentieri Editore 2009.

Annusare la neve

mercoledì, 17 novembre 2010

Dopo anni di bulimico consumo di migliaia e migliaia di metri di dislivello tutti uguali, lungo piste perfettamente battute, si avverte sempre più forte tra gli appassionati il desiderio di uno sci più libero e creativo.

Si comincia timidamente con qualche piccola fuga vicino ai tracciati segnalati, alla ricerca di nuove o meglio dimenticate sensazioni. Perché il fuoripista non è un’invenzione d’oggi, ma l’origine stessa dello sci da discesa, importato oltre un secolo fa dai paesi scandinavi sulle Alpi e adattato alla grande energia del rilievo delle nostre montagne.

Nei decenni lo sci è uscito dalla pratica d’elite riservata a pochi eletti, per diventare sport di massa. Impianti di risalita sempre più comodi e funzionali e piste ampie e levigate, affrontate con attrezzatura moderna, consentono oggi in tempi brevissimi al neofita di divorare i tracciati, perdendo, a volte , il contatto con la neve e riconducendo l’attività di discesa ad un mero scivolamento su un piano inclinato.

Uscire dai tracciati significa conservare il fascino originario di un mezzo di movimento privilegiato, per percorrere felicemente, in velocità e poco sforzo la montagna d’inverno. Fuoripista si riscopre quanto le montagne sono vere e belle e che è inebriante tuffarsi in lunghe discese su neve polverosa.

Siglare con le proprie tracce un pendio intonso è uno dei grandi piaceri del fuoripista: basta in questo caso anche una sola discesa per trovare appagamento e soddisfazione. Con l’aiuto dei nuovi sci extra-large non serve più un’iniziazione decennale per poter tirare un cristiania, ma da un’onesta curva a sci paralleli il passo è breve per portarsi nella neve profonda.

Non dimentichiamo però che uscire fuori significa attivare una necessaria e indispensabile azione di auto protezione! Nessuno potrà più dirci dove andare e cosa fare, per cui occorre essere consapevoli di quel che si sta facendo. Muoviamoci in silenzio, cercando di essere rispettosi di aree non frequentate, sovente rifugio di fauna selvatica e per questo molto sensibili.

Conoscere la neve e le sue trasformazioni, il terreno, i versanti e le pratiche di autosoccorso sono requisiti fondamentale per una corretta gestione del rischio. Non rincorriamo solo e unicamente l’ultimo ritrovato tecnico e tecnologico prodotto dalla fabbrica della sicurezza.

Impariamo ad annusare la neve, accontentiamoci se in qualche occasione dubbia è meglio restarsene al caldo di un rifugio mentre fuori nevica, riappropriamoci delle sensazioni utili a gestire ogni azione in un ambiente naturale soggetto a continui mutamenti e mai catalogabile come un impianto sportivo. Solo allora potremo affrontare le migliori discese. Mic

Leo Gasperl in curve successive a cristiania – Tratto da “Introduzione al Discesismo” Casa editrice mediterranea Roma 1950, Edizione anastatica Electaarchitettura 2009.

Corsi e lezioni di sci fuoripista e freeride

venerdì, 5 novembre 2010

BERNINA FREERIDE

Per l’intera stagione invernale 2010-2011 si organizzano corsi e lezioni di sci fuoripista-freeride neI comprensori sciistici Valmalenco-Valtellina per principianti ed esperti (tra i destinatari sono inclusi anche snowboarders e telemarkers per tutti gli aspetti che riguardano la conoscenza dell’ambiente e gestione del rischio connesso alla pratica del fuoripista).

Non hai mai provato a uscire dalle piste battute?

Questa è la proposta per te.

Il corso è rivolto anche a chi si affaccia per la prima volta al mondo del freeride, con un approccio graduale alla difficoltà.

Per provare le prime curve fuori dai tracciati è sufficiente un livello bronzo-avanzato, argento della scuola italiana di sci.

Il corso sarà tenuto da una Guida alpina, Maestro di sci. Possibilità di lezioni a tariffa oraria dedicate per singoli o gruppi ristretti.

A seconda del livello tecnico e del numero dei partecipanti verranno trattati gli aspetti seguenti.

  • Tecnica fuoripista.
  • Ambiente: elementi di base di conoscenza dello stato del manto nevoso e dei versanti; individuazione della traccia.
  • Analisi e valutazione dei rischi: acquisizione degli elementi minimi di sintonia con l’ambiente invernale per la valutazione dei rischi connessi alla pratica del fuoripista.
  • Materiali: conoscenza e utilizzo dei kit di autosoccorso (arva, pala, sonda), prova sci freeride.

Note tecniche.

Sciare fuoripista significa fare discese sulla neve non battuta.

Secondo la stagione, temperatura, esposizione del pendio ed un sacco di altri fattori determinanti, una discesa potrà risultare piacevole o estremamente faticosa. Ricordate quindi che per imparare i segreti del fuoripista occorre conoscere i suddetti fattori e sciare su tutte le nevi per molti metri di dislivello….

Coloro che sono sci alpinisti non dimentichino che un ripasso della tecnica fuoripista potrebbe a loro solo giovare, sia in sicurezza che di godibilità delle discese.

Su richiesta le proposte di freeride più rinomati in quota.

Per tutti i partecipanti possibilità di soggiorno esclusivo presso l’Hotel Tremoggia con offerte speciali.

Info: Michele Comi 348-8403009 michele.comi@stilealpino.it

Rider sulla cresta sommitale della Punta Marinelli 3180m, sullo sfondo il Piz. Roseg 3920m.

Siglare la neve con le proprie tracce è uno dei grandi piaceri del fuoripista.

Cavalieri della povere!

Ski area Valmalenco